Skip to content

“Sensibilità esaltata”

postato da angela il 11 marzo 2013
images

A metà tra un articoletto e un racconto di una esperienza personale

di Angela Maria Nitti

Durante la gravidanza mi capitava di spaventarmi abbastanza frequentemente, avere paura di cose piuttosto banali, trovare le facce delle persone particolarmente divertenti o sentirmi incredibilmente risentita e arrabbiata di piccole osservazioni che mi venivano fatte da parenti e amici.

Le emozioni che normalmente provavo erano amplificate.

In quel periodo sognavo tantissimo.

Al mattino mi capitava spesso di svegliarmi già stanca. Mi capitava inoltre di ricordare episodi della mia infanzia a cui non pensavo da anni.

Questa “esperienza” è nota a moltissime donne. Anche nel pensare comune si associa lo stato interessante a delle “stranezze” o modi bizzarri di essere e di percepire il mondo e gli altri.

Ma in natura niente è a caso.

Si tratta della “sensibilità esaltata”. La sensibilità esaltata è una specifica funzione che permette alla futura mamma di essere più vicina al suo bambino e che è presente durante i 9 mesi di gravidanza e nel primo periodo di vita del bambino.

È una sorta di avvicinamento a quello che sente il piccolo.

Nei primi giorni di vita il bambino è in una situazione di dipendenza assoluta. In questo momento gioca un ruolo fondamentale la capacità della mamma di sintonizzarsi con i bisogni del figlio.

La sensibilità esaltata è una “malattia normale” che porta la mamma a ritirarsi dagli interessi del mondo esterno e di abbandonare alcuni modi propri di essere per avvicinarsi al piccolo ed entrare in uno stato di quasi completa fusione con lui.

Più la mamma è in grado si “esserci con il bambino in fusione per questo primo periodo, maggiore sarà la capacità di entrambi di separarsi e di abbandonare lo stato di fusione.

Il papà ha un compito fondamentale in queste fasi: fornire una copertura protettiva.

Questo vuol dire dare sostegno alla propria compagna durante la gravidanza e reggere la diade madre-bambino dalle “perturbazioni esterne”.

Categorie → C.R.E.attiva & C.

Nessun commento

Rispondi

Note: XHTML é permesso. Il tuo indirizzo email non sará pubblicato.

Subscribe to this comment feed via RSS

Security Code: